Estate Made in Japan -Julia Hime, Stefano Bersola, Il velivolo Ghibli

Sono arrivata in questa città,
come un puntino mi muovo nel traffico,
nella valigia ho i sogni che regalerà.

Le luci a Tokyo non si spengono mai,
tutto funziona in modo fantastico,
il treno arriva, massima puntualità.

E’ così facile, sentirsi tra le nuvole,
c’è già un amico che mi aspetta adesso,
per la cerimonia del tè

Rit.
E’ un’estate made in Japan quella che io voglio vivere con te.
Guardo in alto il Fujiyama,
a trecento all’ora sullo Shinkansen.
La mia estate made in Japan, Japan.

Il sole nasce grandissimo ad est,
il vento soffia ricordi nell’anima.
Non può mancare il tempo di bere un sakè.

La notte magica di Tanabata arriverà,
ho un desiderio appeso al tempio ho chiesto, di tornare ancora da te.

Rit.
E’ un’estate made in Japan quella che io voglio vivere con te.
Guardo in alto il Fujiyama,
a trecento all’ora sullo Shinkansen.
La mia estate made in Japan, Japan, Japan

Anata wa, watashi no sekai desu,
watashi no, kokoro wa anata no desu, anata no desu

Rit.
E’ un’estate made in Japan quella che io voglio vivere con te.
Guardo in alto il Fujiyama,
a trecento all’ora sullo Shinkansen.
La mia estate made in Japan, Japan, Japan

Estate Made in Japan -Julia Hime, Stefano Bersola, Il velivolo Ghibli