Sai che ti dico -Alamia e Sperandeo

*abbanniate di mercato*
Chi bella a sairda, chi è viva, cuomu satarìa
Bellu, bellu, bellu è (Ma chi cuosa? Chi cuooosa?)
Lo sfincionello, signora. Che ha capito? Le avrebbe piaciuto ah?
Scarsu r’uogghiu e chinu i pruvulazzu
Cagnuolo, cagnuolu
C’a tagghiu a tiesta, c’a tagghiu
Manciala cuomu vuoi, siempri cucuzza è
Ammuogghia ‘sta ‘atta, a’ttia
Metticcilla n’carta

Sai chi ti ricu? (Chi è?)
Veni ‘cu mmià (vabbé)
C’è me cucinu cammerieri ‘a tratturia
E quacchi cuosa (chi è?) ‘nni l’avi a dari (vabbé)
Ma si capisce, senza farinni pa’ari
Talìa ‘ddu spezzatino, va chiama a ‘me cucinu
Che bella ‘sta paimmigiana
Picchì ‘so ma’ bbu.ALT!
Statti zittu che ci sono bambini (va bene)
Non fare il vastaso
Cambia canzone, fanne un’altra (vabè, vabè, vabene.)

Andate a prendere il grana, il grana, il grana-a-ah
Che ne sai di una fetta di grana? A quant’è ‘a cassata siciliana?
E del prezzo di questi dolcini che ne sai?

Ieri ho mangiato la cuccuzzedda, babbaccubbata (??) e cioccolata
Ma per un chilo di panettone, e mi è venuto un colpo di scissone
E mi è venuto e non ne posso più

Ahia, bedda matri ru carmino, ra scinnuta ‘ri Maccheronari c’è…????
Per una cozza di seraaaa
Mi è venuto il coleeeera
Cueeenza, menzu pani chi panielle
Chi cazzilli e quattru felle, e una carta di piscitelli

Che bello, manciari cairnni ‘i crastu a Mondello
E quando il cameriere guarda te, sucarisillu n’anticchia ‘ri café

A quantu vannu i milinciani, i cucuzze i Sciantinara (?)
I tinniruma, i fasolina a quantu su?
E’ inutile bussare qui, tanto arresti riunu, sucati un prunu

Aaanciuova, aaanciova, aaanciuova
Ti ricordi quella sera, mi manciavu un chil’i paista insieme a te
C’aaanciuova, i pani mi vinnivu (…???)
Ma quanto vale? Maledetto primosale, ormai è un piatto da re
Ccàààà, caaaachì, non ne potrò. mangiare più
(Picchì? Rimmi u picchì? Picchì?)
Picchì. il prezzo è andato. troppo su
Uno stronzo così graaaande… non l’avevo visto mai. Sultantu tu
Dopo tutta sta manciata, ca m’occupo, e tuttu ‘u stuomaco vunciò
Cammino lentamente, minchia ‘u fetu è prepotente, asfissierò
Una cedda i calamari, sono pesci troppo cari
Ma se tu li vuoi comprare
I gioielli t’a ‘mpignari, vasinnò ti ‘po iri a piscari

Com’è bella la verdura. un citriuolo e l’uova rura
Le polpette di tunna. cucino (chi è?) iccammunni nna’nsalata
Ma chi cucinu sìì? Si nni pintì
Ma chi cucinu sì? Talé amunì

Добавить комментарий
Sai che ti dico -Alamia e Sperandeo